Il gioco d’azzardo illegale sta prosperando come non mai

gioco illegale continua a prendere piede

Le mafie fanno affari d’oro con il mondo dei giochi, mentre le attività legali, e rappresentanti dello Stato, languono in una chiusura costante ed anacronistica. Questa volta la premessa è brevissima, e ci fa confrontare, purtroppo, con il continuo crescere dell’illegalità nel gioco che indiscutibilmente ha tratto più di un vantaggio dalla chiusura di quello lecito che ancora oggi perdura: anche tanti altri comparti commerciali sono con le saracinesche abbassate e purtroppo la curva epidemiologica non lascia ben sperare e neppure lascia lo spazio per fare progetti di riapertura a breve. Le Forze di Polizia nel frattempo hanno un gran da fare lungo tutto lo Stivale per tenere sotto controllo una situazione che, forse con più attenzione e con valutazioni più attendibili, avrebbe potuto svolgersi diversamente. Infatti, si è assolutamente convinti che il gioco pubblico, pur ritenendosi un’attività non essenziale (ma essenziale lo è certamente per la tutela della legalità) avrebbe potuto essere valutato e “giudicato” in modo diverso.

Assodato oltre tutto che il CTS non ha neppure preso in considerazione le attività del settore ludico, od almeno così pare, in relazione alle chiusure ed all’incidenza sul rischio di contagio alto da ravvedersi nelle sue sale da gioco. Ma, in ogni caso, bisognerebbe ascoltare i suggerimenti degli esperti e fare i conti con la realtà: e questo avviene a mezzo sia delle Forze dell’Ordine che della Direzione Investigativa Antimafia che rendono noto quanto la crescita dell’illegalità nel mondo dei giochi sia “inaspettatamente” avvenuta con la concomitanza della chiusura del gioco pubblico. In queste righe si vuole “raccontare”, come ogni tanto “ci piace” fare, di un intervento del sottosegretario di Stato all’Interno che ha inquadrato e riferito sulla questione del fenomeno delle corse di cavalli clandestine e delle scommesse illegali che si svolgono nella città di Messina e che suscitano un “tradizionale” interesse per le organizzazioni criminali che ne utilizzano i proventi per i propri deprecabili affari mafiosi.

Gli eventi illegali in genere si svolgono per alcune strade delle periferie cittadine al mattino prestissimo, controllate da numerose persone chiamate “vedette” che in determinati punti strategici stanno all’erta per offrire copertura ai gruppi in gara in caso dell’intervento delle Forze dell’Ordine. Senza dubbio, è difficoltoso per gli uomini e le donne della Polizia riuscire a contrastare questi avvenimenti poiché sono scarsamente prevedibili: quindi, le indagini sono particolarmente mirate ad individuare sia i soggetti coinvolti che i luoghi dove vengono custoditi gli animali per arrivare al giro di affari ricollegabile alle corse clandestine, ma sono estremamente difficili. Non è, in ogni caso, un’impresa investigativa facile come non lo è ricondurre il tutto a singoli soggetti che appartengono all’entourage criminale. Nonostante le varie difficoltà che si incontrano su quel territorio, è indiscutibilmente costante l’attenzione che le Forze di Polizia mettono in campo per riuscire a rintracciare alcune persone coinvolte, compresi anche alcuni veterinari compiacenti che, purtroppo, somministravano sostanze dopanti ai cavalli.

Nel frattempo, si è continuato a monitorare e controllare tutto il territorio con numerose azioni di pattugliamento notturno nelle zone dove erano state svolte le corse clandestine, ma anche presso i luoghi usati per il ricovero dei cavalli. E dopo aver “raccontato” di queste corse clandestine e delle relative scommesse illecite che le seguono, serve ricordare che la recrudescenza di questi eventi, come detto all’inizio di questo articolo, è avvenuta in concomitanza della pandemia e special modo da quando le agenzie di scommesse lecite non hanno possibilità di accontentare i propri clienti abituali, dovendo subire l’imposizione della chiusura e dovendo obbedire ai Dpcm istituzionali. E non solo: durante proprio l’emergenza sanitaria, e la latitanza del gioco pubblico, le organizzazioni criminali si sono adoperate alacremente per infiltrarsi nel circuito legale. Come ripetuto più volte, le mafie prediligono le società che operano nel settore agro-alimentare e nel gioco d’azzardo, da sempre comparti particolarmente congegnali alle organizzazioni criminali che ne sfruttano le qualità e la movimentazione di contante per riciclare il proprio danaro proveniente dagli affari portati a termine appunto dalle stesse “menti mafiose”.

Con la pandemìa altro settore che ha destato l’interesse della criminalità è indiscutibilmente quello che si occupa della distribuzione del materiale sanitario, e nonostante la crisi, anche il comparto turistico alberghiero è sempre nei pensieri finanziari criminali. Proprio per la presenza su tutto il territorio italico della pandemìa, le Forze di Polizia continuano incessantemente il controllo del territorio per la repressione sia del gioco illegale, ma anche dell’illegalità in generale, monitorandolo con attenzione ed in modo frequente anche se questo comporta ovviamente il dispiego di tanti uomini, ma interventi che sono risultati indispensabili per la tutela dei cittadini e dello stesso territorio. Anche l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli collabora attivamente con la Polizia di Stato e tutte le altre Forze dell’Ordine mettendo in atto periodicamente piani straordinari di controllo: è un grande aiuto per la collettività, ma sopratutto per preservare il territorio dalla ingerenza della delinquenza che potrebbe anche nuocere ai minori, facilmente raggiungibili ed anche influenzabili.

Nel ricollegarci ancora per un momento a quanto è stato riferito per le scommesse illecite e per le corse clandestine di cavalli, bisogna anche sottolineare che la criminalità che gravita attorno a Messina con questi “affari” è molto pericolosa proprio per la gioventù che viene agganciata dalla stessa criminalità e condotta “per mano” verso un nuovo rapporto con le attività illegali: infatti, i giovani sono istruiti a fare da palo con gli scooter per le corse e così iniziano il loro cammino illecito per le strade della periferia della città e si avvicinano alla malavita. E ciò accade proprio quando ad una città viene sottratta la legalità del gioco e nella quale i clan mafiosi dimostrano tutta la loro potenza e fanno bella mostra di sé e del proprio potere economico, usufruendo senza alcuna remora, anche della “manovalanza” dei giovani o giovanissimi del posto. L’illegalità nasce evidentemente dove la legalità non esiste più e la periferia diventa quasi uno “stato a sé, lasciata proprio dallo Stato in mano alle mafie”: così, corse e scommesse illegali prosperano.

Pubblicato il: 30 Marzo 2021 alle 17:14

CasinoRecensioneMobileVisita
888casino logo
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
disponibile su mobile
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
Visita
betway casino logo
Betway Casino
5€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
leovegas casino logo
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
disponibile su mobile
gioco digitale casino logo
Gioco Digitale Casino
300 Giri + 500€
disponibile su mobile
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
bwin casino logo
Bwin Casino
50 Giri + 200€
disponibile su mobile
starcasinò logo
StarCasinò
20€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
big casino logo
Big Casino
55€ Gratis + 3000€
disponibile su mobile
william hill casino logo
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
disponibile su mobile
netbet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
betflag casino logo
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
disponibile su mobile
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
disponibile su mobile
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
100% Fino a 1000€
disponibile su mobile
Visita