Governo Draghi: Il migliore per il gioco d’azzardo legale

governo draghi migliore per gioco azzardo legale

“Sotto la cenere” ancora cova la brace (scoppiettante) delle vecchie diatribe politiche che hanno coinvolto troppo spesso la conduzione del nostro Paese, special modo discussioni che hanno reso difficile gli ultimi passi del vecchio Esecutivo che forse non riusciva a prendere con tranquillità le proprie decisioni, dovendo spesso discuterle troppo a lungo: cosa che, inevitabilmente, ha portato alla crisi governativa con una buona spallata di Matteo Renzi che non vedeva altra possibilità che un nuovo Esecutivo più “sereno”. Da qui l’intervento del Capo dello Stato e la trafila istituzionale con la nomina del nuovo e messianico governo Draghi che sembra essere il miglior Governo, anche per i migliori siti italiani di casino legali, che il Paese possa permettersi oggi. Composto, innanzi tutto, da parecchie figure di “alto profilo” e di comprovata esperienza economico-finanziaria che potrebbero fronteggiare l’attuale situazione, trovando soluzioni e progetti che possano mettere l’Italia a confronto con l’Europa in una posizione di “rispetto” e con un Governo che ha un nuovo Premier così bene riconosciuto a livello internazionale.

Un nuovo Esecutivo “esclusivamente” del Premier Draghi e del Capo dello Stato Mattarella che si sono divisi questa pesante responsabilità della scelta di un insieme di figure tecniche e politiche ritenute all’altezza di una situazione così particolare, difficile ed inusitata. Momento che necessita sicuramente di avere nell’Esecutivo persone di comprovata esperienza economico-finanziaria guardando specialmente al Recovery Plan dall’accoglimento del quale senza dubbio dipende il presente ed il futuro del Paese: per i cittadini e gli imprenditori di oggi e per il domani dei nostri figli. Quello che emerge dalle prime apparizioni ufficiali di Draghi è la massima sobrietà dimostrata: poche parole inserite nelle conferenze stampa di rito ed il minimo indispensabile. Sopratutto, assenza assoluta dai social network del neoeletto Premier, ed anche di qualche suo Ministro, anche se questo è veramente inusuale ai nostri tempi: però anche in questo si conferma “discontinuità” dal vecchio Esecutivo che passava parecchio tempo nelle conferenze stampa, sui social, nelle apparizioni in ogni dove.

Il nuovo Governo, in linea di massima, sarà comunque un Governo tecnico ed ambientalista anche se deve passare per il Parlamento che ha creato parecchi problemi e tantissimi sobbalzi all’Esecutivo precedente: uomini e donne della politica che durante le consultazioni sono stati ascoltati molto attentamente, ma ai quali non è stato concesso alcun “privilegio” e fatta intendere alcuna “concessione”. Questo, forse, rappresenta il vero fulcro del nuovo Governo Draghi che potrebbe davvero segnalare l’inizio di una “nuova epoca” che dovrebbe sovvertire una buona parte di ciò che è stato messo in campo in precedenza: comunque, un nuovo Esecutivo al momento “controcorrente” e non convenzionale special modo se lo si raffronta a quello dell’ex Premier Conte, molto “visivo”, molto comunicativo online, molto disponibile per gli interventi televisivi forse per farsi sentire più vicino alla cittadinanza nel momento difficile della pandemìa.

Senza dubbio il Governo Draghi sarà molto più riservato, sperando che la riservatezza voglia significare concentrazione nei programmi da affrontare e nei progetti da studiare per risollevare il Paese. Quindi, poco dire e tanto fare, per questa nuova epoca che in effetti dovrebbe rappresentare un cambio epocale in tutti i vari settori che nel nostro Paese vanno rivisti, riorganizzati, sburocratizzati, sanificati. Dunque, “Volente o nolente” un nuovo Governo, certo il migliore che ci si poteva aspettare, vista la situazione politica attuale sicuramente “agitata, complessa e discordante”, ed intero Paese tragicamente in bilico per quello che riguarda tutta la sua economia. Ma l’importante sono le finalità da raggiungere che sono pregnanti se non si vuole assistere ad un disastro economico che farebbe davvero crollare il Paese e tutte le sue imprese e motivo per il quale è stato messo proprio Mario Draghi alla guida della Nazione: un uomo “tutto d’un pezzo” senza tanti grilli per la testa se non la sua proverbiale ed incredibile esperienza europea.

La certezza di trovarci di fronte ad un Premier diverso sono le prime due cose che ha trasmesso: nessuna promessa di alcun genere ai partiti, la sobrietà nel suo “non dire” se non all’interno di conferenze stampa istituzionali e circoscritte. Apparentemente un “meraviglioso quadro” sprigionante serietà e sobrietà contornato da una corposa cornice europeista ed ambientalista: questo è il nuovo Governo che potrebbe rappresentare una vera rivoluzione per quanto riguarda la politica e presenza che potrebbe rimettere insieme i cocci della fiducia che recentemente aveva subito qualche contraccolpo di troppo. Fiducia d’altronde indispensabile sia per i cittadini che per le imprese, ma anche elemento indispensabile per essere considerati al di fuori dei nostri confini: essere rassicuranti sopratutto in Europa è argomento di massima priorità, sempre per il futuro di tutti. Ora dalle parole che stanno seguendo la nascita del Governo Draghi e di questa “epoca nuova” bisognerà passare ai fatti ed ai primi passi che l’Esecutivo farà: affrontare i tantissimi operatori in crisi nei diversi settori a causa di questa tremenda pandemìa e ridotti veramente ai minimi termini.

Proprio così si trova il mondo del gioco d’azzardo pubblico che ha subito misure restrittive più di altri settori e che il Governo precedente ha considerato settore a rischio medio/alto e sopratutto attività “non essenziali”. E mentre sulla seconda attribuzione si può discutere ben poco, sulla prima ci sarebbe ancora una volta da proclamarsi contrari: è stato riprovato che nelle attività di gioco non si è mai creato un qualsiasi focolaio di contagio in quei pochi momenti dove i punti di gioco hanno potuto tenere i battenti aperti. Quindi, il settore ludico si augura con tutto il cuore di trovarsi davvero in una “nuova epoca” e di avere maggiori speranze di intravedere l’apertura delle sue attività seppur applicando le restrizioni più idonee per la tutela della salute. E non solo: il gioco vorrebbe anche vedere una discontinuità con l’atteggiamento del vecchio Esecutivo e, quindi, trovare un momento nuovo di confronto con le istituzioni per ritornare ad essere una colonna dell’economia del Paese, come è stato per tanti anni prima che nascessero gli ultimi due Esecutivi ”a quattro mani” che bene al gioco pubblico non hanno sicuramente fatto, anzi.

Pubblicato il: 2 Marzo 2021 alle 11:16

CasinoRecensioneMobileVisita
888casino logo
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
disponibile su mobile
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
Visita
betway casino logo
Betway Casino
5€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
leovegas casino logo
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
disponibile su mobile
gioco digitale casino logo
Gioco Digitale Casino
300 Giri + 500€
disponibile su mobile
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
bwin casino logo
Bwin Casino
50 Giri + 200€
disponibile su mobile
starcasinò logo
StarCasinò
125 Giri + 1000€
disponibile su mobile
big casino logo
Big Casino
55€ Gratis + 3000€
disponibile su mobile
william hill casino logo
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
disponibile su mobile
netbet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
betflag casino logo
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
disponibile su mobile
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
disponibile su mobile
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
100% Fino a 1000€
disponibile su mobile
Visita