Crisi di Governo: Il gioco d’azzardo resta in attesa

crisi di governo lascia il gioco azzardo instabile

Quasi tutti, cittadini ed imprese, sono in fibrillazione per la crisi di Governo che obbiettivamente “disturba”, e non poco, l’attuale situazione pericolante del nostro Paese: i ristori che non arrivano in modo giusto ed equo, le aperture e le chiusure che continuano a mettere le aziende in difficoltà nei loro programmi, la poca chiarezza sui programmi futuri legati all’Europa, i contagi che non hanno intenzione di stabilizzarsi ed il numero delle vittime che continua ad essere importante. Tutto ciò forma un quadro italiano questa volta non firmato da un grande autore pittorico, ma purtroppo dalle conseguenze che la pandemìa ci riversa ed alla quale non si riesce a trovare una qualsiasi forma di opposizione. Neppure la distribuzione del vaccino trasmette un po’ di tranquillità, visto che anche il quel caso vi sono difficoltà, ritardi, poca organizzazione: insomma, ovunque si guardi nel Paese c’è soltanto confusione e sicuramente la crisi di Governo “non aiuta”.

Così come non aiutano le diverse polemiche che vi sono collegate e delle quali non ve ne è bisogno, anche per chi non si occupa direttamente di politica, ma che si rende conto di quanto poco opportuna sia la situazione nella quale ci si è venuti a “cacciare”. É proprio vero che la politica ed i politici “non hanno vergogna” e con il loro fare stanno affossando ancora di più la nostra economia che fa fatica a ripartire per mettere al sicuro imprese e lavoratori. Con le dimissioni del Premier si aspettano cambiamenti: tutti se lo aspettano, tranne il mondo dei giochi e dei migliori casino autorizzati che non si attende nulla di nuovo, almeno per il momento: si spera che non si protragga ancora più a lungo, per la crisi politica, la riapertura delle attività di gioco e che la data del 5 marzo prossimo possa significare un nuovo inizio, e non solo per le attività ludiche, ma per tutti i settori anche se i numeri dei contagi non lasciano presagire nulla di rassicurante. Ma poi, chissà quale sarà il futuro politico del Paese.

Proprio un cambio della guardia ed una nuova personalità a guidare un Governo, oppure le elezioni che sembrano essere una delle soluzioni più valide per lasciare finalmente ai cittadini la possibilità di decidere da chi vorrebbero veri risultati realisticamente effettivi? A dimissioni di Conte avvenute, ed in mano al Capo dello Stato, si è ufficialmente aperta la crisi e le operazioni per formare un nuovo Esecutivo magari di colorazione diversa sono in mano al Ministro Fico, Presidente della Camera. Sicuramente, sono tanti i cocci da rimettere insieme con un risultato che deve necessariamente essere “perfetto” per poter affrontare “la cottura di tutta la carne che sta sul fuoco”: impresa difficile perché non sarà affatto facile trovare un insieme di menti che possano affrontare lo sfacelo economico, sanitario e progettuale che costella il Paese, i cittadini e le imprese. Forse neppure dopo la guerra vi era una situazione di disastro simile a quella pandemica attuale.

Trovare qualcuno che si accolli un peso simile ed impegnativo come quello della ricostruzione dell’economia nazionale e dell’industria martoriata da quasi un anno di Dpcm che ha messo tante categorie in ginocchio sarà come cercare un ago nel pagliaio. Una Nazione in assoluta crisi, ed una crisi senz’altro all’ultimo stadio: situazione esplosiva che si associa al malessere generale della cittadinanza ed al timore del rischio contagi che sta “torturando” tantissime persone anche psicologicamente. Questa è la quotidianità che si rappresenta nella nostra realtà che si unisce alle precarietà delle attività economiche e produttive tra cui, ovviamente, quelle del gioco d’azzardo che hanno ben poca speranza, con questo cambio di Governo, di vedere concretizzarsi i suoi programmi relativi almeno al riordino nazionale dell’intero settore ludico che aiuterebbe la rinascita delle sue imprese. Evidentemente, la crisi di Governo mette tutto in discussione o, quanto meno, ne allunga ancora la tempistica.

Si può dire che cambia la gestione del nostro Paese e la nostra politica, ma nulla cambierà per il gioco pubblico che rimarrà ulteriormente in attesa che qualcuno si ricordi delle sue imprese e dei suoi operatori. Il che è senz’altro deleterio per l’economia dello stesso settore ludico, compreso il comparto delle scommesse on line, che è fermo da troppo tempo e che ha le sue attività veramente in difficoltà dopo quasi 200 giorni di “stop” imposto dall’Esecutivo e dalla valutazione che delle sue attività è stata attribuita dall’ex Premier Conte, come aziende a rischio medio/alto per i contagi. Al momento, però, qualsiasi decisione è “congelata” per la crisi di Governo, i vari settori attendono una data dalla quale ripartire ed il gioco prende soltanto atto delle “timide aperture” da parte dello stesso Conte che la settimana scorsa aveva annunciato al “gioco rosa” durante la manifestazione davanti a Montecitorio. Mondo del gioco che ne ha preannunciate altre due, una a Milano ed un’altra sempre nella capitale promossa, questa volta, dai gestori degli apparecchi di gioco e delle sale da gioco.

Settore ludico, quindi, comunque in agitazione nonostante la crisi di Governo che complica la vita di tutti e che “proprio non ci voleva”. Oppure è stato un atto estremo per smuovere una situazione troppo ferma e priva di programmi per un futuro del Paese che necessariamente deve essere riorganizzato cosa che, al momento, non è stata fatta o per incapacità del vecchio Governo, oppure per poca esperienza dei suoi protagonisti, od ancora soltanto perché si è guardato agli interessi dei vari partiti partecipanti all’Esecutivo Giallo-Rosso e non a quelli del Paese che dovrebbero essere senz’altro “superiori”. Una frase fatta declamerebbe “Ai posteri l’ardua sentenza”… Ma, sicuramente, per il mondo del gioco e del poker online il tempo dell’attesa è scaduto da tempo ed il settore ha necessità di ripartire se non si vuole davvero vedere morire completamente un comparto legale che rappresenta lo Stato su tutto il territorio: cosa che viene spesso dimenticata e che meriterebbe diversamente. La realtà, oggi, fa confrontare il settore ludico con la data del 5 marzo prossimo per eventuali novità: chissà cosa succederà.

Pubblicato il: 12 Febbraio 2021 alle 13:14

CasinoRecensioneMobileVisita
888casino logo
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
disponibile su mobile
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
Visita
betway casino logo
Betway Casino
5€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
leovegas casino logo
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
disponibile su mobile
gioco digitale casino logo
Gioco Digitale Casino
300 Giri + 500€
disponibile su mobile
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
bwin casino logo
Bwin Casino
50 Giri + 200€
disponibile su mobile
starcasinò logo
StarCasinò
125 Giri + 1000€
disponibile su mobile
big casino logo
Big Casino
55€ Gratis + 3000€
disponibile su mobile
william hill casino logo
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
disponibile su mobile
netbet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
betflag casino logo
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
disponibile su mobile
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
disponibile su mobile
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
100% Fino a 1000€
disponibile su mobile
Visita